Criminologia e Grafologia Forense

Nella giornata di sabato 19 febbraio 2022, l’AGI (Associazione grafologica italiana), ha organizzato un seminario di formazione sulla certificazione della professione di Criminalista esperto in Grafologia Forense ponendo in risalto anche quanto sia importante la formazione del professionista che intende svolgere in modo continuativo l’attività di consulenza grafologica, in particolare nel settore della Grafologia Peritale Giudiziaria.

L’incontro, al quale hanno partecipato più di 90 iscritti all’Associazione grafologica fondata dallo stesso Girolamo Moretti (fondatore del metodo grafologico italiano) si è rivelato indispensabile per mettere in evidenza alcuni fondamentali cambiamenti che il professionista deve conoscere per svolgere la sua attività di consulenza; innanzitutto, è stato ribadito che dallo scorso 15 luglio 2021, il Consulente grafologo che si occupa di stabilire la paternità delle scritture autografe, viene ora regolamentato dall’albo delle Scienze forensi ed in particolare della Criminalistica.

Criminologia e Grafologia Forense. Cosa è cambiato?

Il dott. Salvatore Musio, responsabile della certificazione professionale del Grafologo, che ora si chiamerà “Criminalista esperto in Grafologia Forense” e non più genericamente Consulente Grafologo, ha sottolineato che in Italia ci sono oltre 500.000 professionisti iscritti agli albi e ai collegi più disparati.

Fino al 15 luglio 2021, la grafologia è stata considerata una scienza non ordinistica regolamentata dalla Legge n. 04/2013. Da allora sono stati compiuti molti passi in avanti da parte dell’Associazione AGI per far rientrare di diritto la Grafologia nelle scienze forensi.

In questi ultimi anni il direttivo dell’AGI si è fortemente impegnato sul fronte della formazione, proponendo numerosi seminari in presenza e a distanza davvero qualificanti per dare modo agli iscritti di essere in regola con l’obbligo formativo richiesto a ciascun professionista che è di almeno 60 crediti nel triennio.

Il dott. Musio dopo, un’interessante introduzione della Presidente dell’AGI Eleonora Gaudenzi, ha spiegato ai numerosi partecipanti all’evento, che cosa sia necessario fare per ottenere la certificazione professionale che pone ciascun Grafologo in una posizione di maggiore credibilità nei confronti del mercato e soprattutto tutela i committenti che dovessero utilizzare le sue competenze per rispondere ai numerosi e diversificati quesiti in ambito di falso scritturale.

Criminologia e Grafologia Forense. Cosa è cambiato?

I relatori all’evento del 19 febbraio 2022, hanno evidenziato che oltre alla certificazione professionale, i soci aderenti e quelli ordinari che fanno parte dell’AGI, possono richiedere anche la certificazione di qualità che verrà rilasciata dall’associazione dopo la verifica dei requisiti richiesti da Accredia, che è l’organismo preposto dal Governo a svolgere attività di verifica che le certificazioni siano rilasciate  da realtà accreditate e competenti e che, soprattutto operino secondo la norma internazionale ISO IEC 17024, in maniera indipendente, trasparente e imparziale.

Nel corso dell’incontro formativo, i relatori hanno sottolineato che l’AGI, per accedere alla certificazione professionale, ha voluto innalzare i requisiti richiesti al professionista per maggiormente tutelare i committenti (liberi cittadini, studi legali, Tribunali, ecc. che utilizzano la scienza grafologica ed in particolare il protocollo GRAFONOMICO per la comparazione delle scritture al fine di stabilire la paternità dei manoscritti autografi).

Nello schema che segue, vi proponiamo le disposizioni in materia dell’AGI ICQ (norma UNI 11822-2021) per il rilascio della certificazione al professionista che la richiede e quella più stringente dell’AGI che ha voluto così maggiormente tutelare i committenti che usufruiscono del servizio offerto dal Criminalista esperto in Grafologia Forense.

Criminologia e Grafologia Forense. Cosa è cambiato?

È importante anche sottolineare che sia la certificazione professionale che quella di qualità non sono obbligatorie ma fortemente consigliate a chi desidera svolgere in modo continuativo l’attività di Criminalista esperto in Grafologia Forense.

Tale certificazione sarà valida tre anni dal momento del rilascio e potrà essere richiesta ad uno degli enti preposti e autorizzati da ACCREDIA tra cui anche l’AGI (Associazione Grafologica Italiana).

Per maggiori informazioni relative al tema proposto nel seminario formativo del 19 febbraio 2022, gli interessati possono visitare il sito: www.aicqsicev.it dove troveranno molte informazioni sulle recenti evoluzioni del settore.


Criminologia e Grafologia Forense. Cosa è cambiato? – articolo di Giuseppe Amico (Socio AGI n. 1019 – Criminalista esperto in Grafologia Forense): fonte: https://periziacalligrafica.org/peritografologo/criminologia-e-grafologia-forense-cosa-e-cambiato/

Per contattare la redazione utilizza l’apposito form contatti.

Visita la nostra pagina Facebook: www.facebook.com/periziagrafica.

LETTURE SUGGERITE

About Author

peritocalligrafico

Perito grafologo forense ed esperto nella comparazione delle grafie per l'individuazione di eventuali falsi scritturali su testamenti olografi, firme autografe, lettere anonime e documenti manoscritti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Enter Captcha Here : *

Reload Image